case studies

Rilievi fotometrici

Mappatura acustica

Ospedale Auxologico San Luca - Milano

Si è resa necessaria un’indagine approfondita per caratterizzare il comportamento acustico della facciata, al fine di risalire alle motivazioni per cui il risultato del collaudo acustico della facciata stessa risultasse significativamente non a norma, pur avendo installato delle vetrate molto prestazionali.

La mappatura acustica, dopo aver definito una griglia di punti di misura sulla facciata, tale da ricoprire in modo uniforme l’intera superficie interna, ha evidenziato una carenza di isolamento intorno al traverso centrale della vetrata , ai montanti e al giunto inferiore in determinate bande di frequenza.

Questa tipologia di rilevazione permette di analizzare eventuali “fughe acustiche” localizzandole e sottolineando a quali bande di frequenze risultano essere più significative.

L’analisi ha così permesso di intervenire in modo puntuale sugli elementi deboli della facciata, prescrivendo opportune e specifici interventi di insonorizzazione.

Una seconda misura post-insonorizzazione, ha evidenziato la buona riuscita dell’intervento, rilevando un incremento dell’isolamento acustico di facciata rispetto alla situazione precedente.

Valutazione di impatto acustico

Circolo Mirage - Torino

A seguito di una visita ispettiva della Polizia Locale, il proprietario del locale in Via Monte Cengio n. 16bis a Torino ha dovuto munirsi di una valutazione di impatto acustico.

Vi era infatti la necessità di dimostrare che le attività musicali e danzanti del circolo non provocassero disturbi al vicinato.

Un’analisi fonometrica accurata ha permesso di regolare opportunamente i livelli sonori degli impianti al fine di rispettare i valori limite previsti dalla legge.

Si ricorda che è obbligatorio possedere una documentazione di impatto acustico per i gestori dei locali che svolgono attività rumorose, pena la sanzione amministrativa da parte degli enti di controllo.

Lago di Codana - Montiglio Monferrato (AT)

A seguito di una visita ispettiva della Polizia Locale, il proprietario del locale in Via Della Repubblica n. 32 a Montiglio Monferrato (AT) ha dovuto munirsi di una valutazione di impatto acustico.

Vi era infatti la necessità di dimostrare che le attività musicali e danzanti svolte nella zona  bar/chiosco e ristorante non provocassero disturbi al vicinato di una zona costituita prevalentemente da aree verdi.

In questa situazione è risultato necessario utilizzare due fonometri al fine di considerare tutti i ricettori circostanti il vasto complesso del Lago di Codana.

Un’analisi fonometrica accurata ha permesso di regolare opportunamente i livelli sonori degli impianti al fine di rispettare i valori limite previsti dalla legge.

Grazie a questa valutazione preliminare, è stato possibile organizzare delle serate musicali e danzanti senza alcuna lamentela per eccessivo rumore.

Si ricorda che è obbligatorio possedere una documentazione di impatto acustico per i gestori dei locali che svolgono attività rumorose, pena la sanzione amministrativa da parte degli enti di controllo.

Lima Limon - Torino

A seguito di una visita ispettiva della Polizia Locale, il proprietario del locale in Via Biella n. 25 a Torino ha dovuto munirsi di una valutazione di impatto acustico.

Vi era infatti la necessità di dimostrare che le attività musicali e ricreative dell’associazione non provocassero disturbi al vicinato.

Un’analisi fonometrica accurata ha permesso di regolare opportunamente i livelli sonori dell’impianto audio al fine di rispettare i valori limite previsti dalla legge.

Si ricorda che è obbligatorio possedere una documentazione di impatto acustico per i gestori dei locali che svolgono attività rumorose, pena la sanzione amministrativa da parte degli enti di controllo.

Valutazione disturbo rumore

Via Dei Mille n.23 - Treviglio (BG)

Gli inquilini dell’appartamento sovrastante il panificio lamentavano il rumore provocato dagli impianti di produzione del panificio sito in Via Dei Mille n.23 a Treviglio (BG).

L’analisi acustica è stata svolta durante un weekend in modo da valutare la condizione di massimo disturbo dell’attività. I risultati hanno evidenziato un superamento dei valori limite previsti sia dal criterio differenziale (DPCM 14/11/97) sia da quello della normale tollerabilità (Art. 844 c.c.).

Tale valutazione è stata utile al Comune per comunicare al Panificio di effettuare lavori di insonorizzazione entro una dal prefissata.

Via Aleardo Aleardi n.10 - Milano

L’inquilino al secondo piano lamentava il disturbo provocato dalle attività rumorose prodotto dall’inquilino sottostante in Via Aleardo Aleardi n.10 a Milano.

Le attività suddette erano causate da un elevato livello sonoro della TV e da lavorazioni edili/murarie di ristrutturazione non dichiarate all’intero condominio e in orari non consoni.

Una rilevazione fonometrica ha consentito di certificare l’effettivo disturbo che aveva causato stress psico-fisico all’inquilino del secondo piano.  In questo caso, trattandosi di contenzioso tra privati, è stato valutato il valore limite della normale tollerabilità (ART. 844 c.c.).

Scopri gli altri progetti

Collaudo dei requisiti acustici passivi​

Torna alla sezione

Bonifica Acustica

Visita la pagina

CONTATTI

ABOUT

P.Iva: 03121320737